CORRERE AIUTA, IL POTERE TERAPEUTICO DEL PODISMO

CORRERE AIUTA, IL POTERE TERAPEUTICO DEL PODISMO

CORRERE AIUTA, IL POTERE TERAPEUTICO DEL PODISMO

Correre aiuta a guarire. E’ un piccolo caso il romanzo sul podismo, “Corri. Dall’inferno a Central Park”, scritto da Roberto Di Sante (Ultra-Castelvecchi edizioni) e approda anche al 48 Congresso Nazionale di Psichiatria, organizzato dalla Società Italiana di psichiatria, che a Torino il 14 ottobre. Il libro autobiografico, narra la storia di un uomo che attraverso la corsa riesce ad uscire dal tunnel della depressione, malattia che affligge l’era dell’uomo moderno e che fino a qualche anno non veniva neanche riconosciuta come un vero e proprio disturbo, da cui troppo spesso è difficile uscirne se non con l’aiuto di appositi farmaci e di un supporto psicoterapeutico appropriato.
Il “miracolo” per lo scrittore, Roberto Di Sante, invece è stato quello di riuscire giorno dopo giorno a balzare fuori dal lungo e buio tunnel della depressione proprio grazie al podismo ed al suo potere terapeutico. Al punto tale da incuriosire studiosi e psichiatri che ora daranno la possibilità allo scrittore di intervenire e di parlare della sua esperienza agli psichiatri.
Il suo libro “Corri. Dall’inferno a Central Park”, giunto alla terza ristampa sta continuando a riscuotere consensi. L’autore, infatti, riceve decine di lettere al giorno provenienti da tutte le parti d’Italia e non solo, da persone che hanno fatto proprio il libro per combattere le loro battaglie quotidiane e le difficoltà che incontrano nel corso della vita. Il libro, peraltro è tra i finalisti del premio “Un libro per il cinema”, scelto da una giuria specializzata.
“Cosa dire, se non che sono davvero molto felice, semplicemente perché non mi aspettavo quanto sta avvenendo – sorride l’autore, Roberto Di Sante – Un po’ come accade giovane della fortunata serie di film ‘Ritorno al Futuro’, in cui il protagonista (interpretato dall’attore Michael J.Fox ndr), andando indietro nel tempo commette degli errori e le immagini di alcune persone cominciano a sparire da alcune fotografie, così allo stesso modo il titolo del mio libro si sta pian piano dissolvendo. Perché ora quel titolo è cambiato ed è proprio di tutte quelle persone che lo hanno letto o lo leggeranno e che riusciranno ad uscire da quel mondo fatto solo di sofferenza, senza un domani.” Roberto di Sante, ex giornalista e scrittore, ora maratoneta, dopo avere corso la maratona di Chicago e prima ancora quelle di New York, Berlino, Londra, Boston e Tokyo, è riuscito ad aggiudicarsi il prestigioso trofeo delle “Six Word Marathon Majors”.

www.ansa.it

RELATED ARTICLES

L’ortopedia a Parma per ogni tua esigenza di salute e benessere

L’ortopedia a Parma per ogni tua esigenza di salute e benessere

Man mano la medicina prosegue nella sua evoluzione e sempre migliore comprensione del corpo umano, sempre più ci rendiamo conto del fatto che il nostro organismo sia una macchina straordinaria e che qualcuno definisce addirittura come “perfetta”. Purtroppo,

READ MORE
Merci Helix, Azienda d’eccellenza italiana espande le vendite in Europa grazie alla vendita online

Merci Helix, Azienda d’eccellenza italiana espande le vendite in Europa grazie alla vendita online

Merci Helix è il nome dell’azienda fondata dai fratelli Antonio e Anselmo D’Amico ad Albano un piccolo paesino che si affaccia sulle montagne Lucane. L’azienda nata nel 2015, in pochi anni si appresta ad essere una delle più

READ MORE
A Villa del Sole (Roncobilaccio) una casa di riposo dove si fa pet therapy

A Villa del Sole (Roncobilaccio) una casa di riposo dove si fa pet therapy

Ricercatori di tutto il mondo, conducendo rigorosi studi scientifici, hanno dimostrato in modo inoppugnabile quanto il contatto diretto con gli animali domestici possa essere un vero e proprio toccasana per le persone che soffrono di problematiche fisiche e/o

READ MORE
La casa di riposo vicina a Firenze che fa pet therapy

La casa di riposo vicina a Firenze che fa pet therapy

Si contano a centinaia le razze di cani esistenti, ed è davvero curioso ricordare che tutta questa biodiversità ha un solo e unico ascendente: il lupo. Millennio dopo millennio, il cane è stato selezionato per essere un valido

READ MORE